Colori e movimenti in fotografia / Ernst Haas

Colori e movimenti in fotografia / Ernst Haas

creatività fotografia

Oggi condivido con voi l’opera di un grande fotografo,
uno sperimentatore che ha saputo differenziarsi da molti suoi contemporanei per creatività e originalità.

Ernst Haas , viennese classe 1921è stato un pioniere della fotografia a colori e del mosso creativo con tempi lunghi di esposizione.
Con la sua Rolleiflex, acquistata nel dopoguerra e barattata con dieci chili di margarina, si dedica inizialmente al reportage e ai servizi di moda ampliando poi il suo campo di sperimentazione verso la fotografia naturalistica (in questo ambito è celebre è il suo libro “The Creation”).

Ciò che mi ispira e appassiona del lavoro di Haas è ll’abilità di rendere la realtà ordinaria, le città, le auto, i passanti, sotto forma di colore e geometria, luce e forma in fotografia.

Le sue immagini si elevano dalla realtà che rappresentano diventando altro, vivendo di una propria luce grazie alla visione creativa dell’ artista che descrive così il suo interesse per la fotografia:

“La realtà pura e semplice non mi interessa più. Senza toccare il mio soggetto voglio arrivare al momento in cui, attraverso la pura concentrazione del vedere, l’immagine composta diventa più ‘fatta’ che ‘presa’”. E ancora: “L’idea fondamentale era di liberarmi dal vecchio concetto di un momento statico per giungere a un’immagine che comunicasse allo spettatore la bellezza di una quarta dimensione da scoprire più tra i momenti che nell’ambito del momento. Nella musica non ci si ricorda mai di un tono, ma di una melodia, di un tema, di un movimento. Nella danza non si tratta mai di un momento ma, anche in questo caso, della bellezza di un movimento nel tempo e nello spazio”.

Alcune delle fotografie più interessanti di Ernst Haas

Questo slideshow richiede JavaScript.

BIOGRAFIA DELL’AUTORE / tratta dal sito:

http://www.ernst-haas.com/biography.html

Ernst Haas (1921-1986) è acclamato come uno dei fotografi più celebri e influenti del 20 ° secolo e considerato uno dei pionieri della fotografia a colori. Haas è nato a Vienna nel 1921, e ha preso la fotografia dopo la guerra. I suoi primi lavori sui prigionieri di ritorno di guerra austriaci lo ha portato all’attenzione della rivista Life. Ha rifiutato un’offerta di lavoro come fotografo personale al fine di mantenere la sua indipendenza. Su invito di Robert Capa, Haas si è unito Magnum nel 1949, lo sviluppo di stretti associazioni con Capa, Henri Cartier-Bresson, e Werner Bishof.

Haas è trasferito negli Stati Uniti nel 1951 e subito dopo, ha iniziato a sperimentare con la pellicola a colori Kodachrome. Ha continuato a diventare il fotografo colore premier del 1950. Nel 1953 la rivista Life ha pubblicato il suo innovativo di 24 pagine a colori saggio fotografico su New York. Questa è stata la prima volta che una grande caratteristica di colore foto è stata pubblicata da VITA. Nel 1962 una retrospettiva del suo lavoro è stata la prima fotografia a colori mostra tenutasi al Museo di Arte Moderna di New York.

Durante la sua carriera, Haas ha viaggiato molto, fotografare per la vita, Vogue, e guardare, solo per citarne alcuni di numerose pubblicazioni influenti. E ‘autore di quattro libri durante la sua vita: La Creazione (1971), in America (1975), in Germania (1976), e Himalayan Pilgrimage (1978).

Ernst Haas ha ricevuto il premio Hasselblad nel 1986, l’anno della sua morte. Haas ha continuato ad essere oggetto di esposizioni museali e pubblicazioni come Ernst Haas, Fotografia a colori (1989), Ernst Haas in bianco e nero (1992), e la correzione del colore (2011). Il Ernst Haas Studio, con sede a New York, continua a gestire l’eredità di Haas, aiutando i ricercatori e la supervisione di tutti i progetti legati al suo lavoro.

 

Grazie per la lettura e …. buona luce!

Alessandro

tag:  panning, fotografia creativa, tempo lungo esposizione, mosso creativo, fotografo, artista, kodachrome.